Informativa Cookie

IL VISCONTE DIMEZZATO

07 aprile, 2016 - 10:00 Teatro Agnelli - via Paolo Sarpi 111

|fascia d’età: 14-18 anni|

omaggio a Calvino a 30 anni dalla sua scomparsa

Lettura spettacolarizzata

con la presenza straordinaria del Direttore delle Biblioteche Civiche Paolo Messina

A 30 anni dalla scomparsa dell’intellettuale di grande impegno politico, civile e culturale – era il settembre del 2015 – ASSEMBLEA TEATRO ha voluto dedicargli un ricordo attraverso la riproposizione di un’opera di invenzione fantastica, IL VISCONTE DIMEZZATO, dove la narrazione fiabesca offre, attraverso una scrittura allegorica e simbolica, numerosi spunti di riflessione su realtà e illusione, ideologia ed etica ma soprattutto sull’equilibrio necessario ad ognuno giacché dice Italo Calvino non esistono possibilità di verità assoluta.

Italo Calvino, scrittore e partigiano italiano. Intellettuale di grande impegno politico, civile e culturale, è stato uno dei narratori italiani più importanti del Secondo Novecento. Ha seguito molte delle principali tendenze letterarie a lui coeve, dal Neorealismo al Postmoderno, ma tenendo sempre una certa distanza da esse e svolgendo un proprio personale e coerente percorso di ricerca. Di qui l’impressione contraddittoria che offrono la sua opera e la sua personalità: da un lato una grande varietà di atteggiamenti che riflette il vario succedersi delle poetiche e degli indirizzi culturali nel quarantennio fra il 1945 e il 1985; dall’altro, invece, una sostanziale unità determinata da un atteggiamento ispirato a un razionalismo più metodologico che ideologico, dal gusto dell’ironia, dall’interesse per le scienze e per i tentativi di spiegazione del mondo, nonché, sul piano stilistico, da una scrittura sempre cristallina e a volte, si direbbe, classica.
I numerosi campi d’interesse toccati dal suo percorso letterario, sono meditati e raccontati attraverso capolavori quali la trilogia de I nostri antenati, Marcovaldo, Le cosmicomiche, Se una notte d’inverno un viaggiatore, uniti dal filo conduttore della riflessione sulla storia e la società contemporanea.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>