Informativa Cookie

Fratelli nella notte

05 dicembre, 2020 - 21:00 Auditorium Franca Rame, viale Cadore 133 - Rivalta di Torino (TO)

dal testo di Cristiano Cavina (Feltrinelli editore)

riduzione scenica e adattamento teatrale Renzo Sicco

interpreti Angelo Scarafiotti, Luca Occelli e Giulio Prosperi

video a cura di Marco Pejrolo

regia di Angelo Scarafiotti

 

 

Mario e Giovanni sono fratelli. Hanno quindici anni di differenza e quasi nulla in comune. Quando si incontrano nei campi a malapena si salutano. Giovanni ha sposato Cristèna, fascista orgogliosa, hanno da poco avuto un bambino. Mario ha vissuto con i genitori fino a quando due uomini in divisa gli dovevano consegnare una lettera. Il ragazzo ha diciotto anni e in guerra non ci vuole andare. Si rifugia prima da alcuni parenti, che abitano lontano, ma l’arruolamento forzato non si dimentica di lui. Per sfuggirle si unisce a un gruppo di quelli che stanno sulle montagne e parlano di comunismo: lui non capisce niente di quello che dicono, è abituato a parlare in dialetto o al massimo a grugnire, come gli animali di cui ama prendersi cura. In più è basso, non sa imbracciare un’arma, così che gli sono affidati i medesimi compiti di fatica cui era abituato nella vita di casa. È così piccolo e agile che i compagni gli affibbiano Tarzan, come nome di battaglia. Un giorno, tuttavia, anche a Mario/Tarzan tocca fare la guerra: in poche ore molti dei suoi compagni muoiono, mentre lui per una granata si ritrova con pezzo d’intestino fuori dal corpo. È proprio in quelle ore tra la vita e la morte, nei brevi momenti di lucidità, implora che suo fratello maggiore lo venga a salvare…

Un racconto su di un periodo significativo della storia italiana. La guerra e la Resistenza da una parte, il mondo contadino dall’altra. Una storia mai di troppo, che aiuta a guardare ai fatti di oggi con un orecchio teso a ciò che è stato. Merito ulteriore dell’opera è l’essere stata scritta dal giovane Cristiano Cavina e non da un reduce di un tempo che fu.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>