Informativa Cookie

Viva la vida!

15 agosto, 2018 - 21:00 Mausoleo della Bela Rosin, strada Castello di Mirafiori 148/7 - Torino

FESTA PER CHI RESTA 2018

scritto da Pino Cacucci
interpretato da Annapaola Bardeloni
con la partecipazione di Luisella Tamietto
montaggio video di Marco Pejrolo
regia di Giovanni Boni e Renzo Sicco

 

Quando abbiamo iniziato a parlarne nel 2010 era ancora un personaggio di nicchia, poco conosciuta e molto amata da una piccola fedele schiera di aficionados.

Poi le mostre di Parigi, Roma, Genova, e lo scorso anno Milano, l’hanno trasformata in uno dei personaggi più chiacchierati.

Dopo le recenti elezioni e il mutamento “rivoluzionario” di Presidenza e Parlamento, anche il Messico, il suo Messico, torna ad essere paese di grande interesse sulla scacchiera mondiale.

Ecco così che il nostro VIVA LA VIDA! si conferma uno spettacolo non solo di grande qualità per il lavoro eccellente di Annapaola Bardeloni, Luisella Tamietto e Giovanni Boni, ma anche di rilevante e forte attualità.

E’ stata anticonformista, femminista anticipando il tempo, amante appassionata. E’ stata musa e artista, pronta a spezzare le regole, a triturarle, purchè il suo essere potesse esprimere quel caleidoscopio di sentimenti che in lei si susseguivano. Soprattutto è stata una donna che, in nome della vita, ha affrontato ogni battaglia, ogni sofferenza. Questa è Frida Kahlo, messicana, pittrice e molto altro, e a lei benissimo si addice quel “Viva la vida!” scelto da Pino Cacucci per il monologo (edito da Feltrinelli), in cui lascia a Frida il racconto di sé stessa e della sua storia.

Un monologo scritto per il teatro e portato in scena da Annapaola Bardeloni, attrice italo-uruguaiana che ha mosso i suoi primi passi a Genova, alla scuola di recitazione dello Stabile, per poi spostarsi a lavorare in America Latina, Asia ed Europa. Collabora da anni con Assemblea Teatro con un focus specifico sul mondo teatrale ibero-americano. A lei il compito difficile di trasformarsi in Frida, di immergersi nella sua vita, almeno in alcuni sprazzi, quelli scelti da Pino Cacucci che in Messico si è fermato a lungo e si è appassionato al mito di Frida e Diego Rivera, il suo amore per sempre.

Diego è l’altra faccia di Frida. Da lui, si reca per mostrargli i suoi primi lavori creati a letto dove l’ha costretta un tremendo incidente. Salva per miracolo, viene letteralmente trafitta da un tubo di ferro che le rompe costole e vertebre. Costretta distesa per anni, incomincia a dipingere, a usare quei colori forti e nitidi, che segnano i suoi lavori. Poi va dal grande “Diego”. Sarà un sì entusiasta e tra i due è subito feeling e passione anche politica. Si sposano, lui la tradisce, lei prima sopporta, poi decide di rispondere allo stesso modo, donne o uomini che siano. Si lasciano, si risposano, vanno a vivere in due case comunicanti, uniti eppure divisi. Frida sfida la sua salute fragilissima, cagionevole. Continua a dipingere, a far politica.

Non si arrenderà mai. In nome della vita, l’amore più grande.

Ingresso: 5 Euro, ridotto (per i residenti del quartiere e gli iscritti alle biblioteche torinesi) 3 Euro

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>