Informativa Cookie

Quarto diario dalla spiaggia di Angeiras

08 giugno, 2016 - 08:58
“Se i pescatori scrivessero poesie

i poeti morirebbero di fame”

Inizia con queste semplici ma decisive parole la poesia che ogni sera di proiezione Rui Spranger ha dedicato ai pescatori di Angeiras.

Cosi’ con estrema conseguenzialita’ nella notte siamo passati dal vecchio Mercato del Pesce al Pinguim Cafe’ a presentare il nostro U-Boat 1277.4978854413_5f3322c9b5_o

Si tratta del piu’ antico luogo in Porto dove da 28 anni tutti i lunedi’ i Poeti o tutti quelli che amano la poesia si incontrano dalle 23 sino a tarda notte per ascoltare o leggere senza alcuna preclusione o scaletta i poemi piu’ diversi. L’atmosfera e’ bohemienne in una sala cantina “doverosamente” carica di fumo come non accade piu’ in alcun luogo d’Europa. Ma il bello irregolare del Portogallo sta proprio nel fatto che pur essendo ormai un paese assolutamente moderno in alcune sacche conserva un tempo passato, un trascorso presente.

“Se scrivessero poemi

i pescatori scriverebbero con la propria vita

e non ci sarebbe piu’ nessuno per pescare l’alimento dei poeti”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>