Informativa Cookie

METROPOLIS

05 marzo, 2014 - 21:00 TEATRO AGNELLI Via P. Sarpi 111 - Torino

Supershock

con Paolo Cipriano, Valentina Mitola, Alan Brunetta, Simone Zoia

Il suono che parla.
Nuova colonna sonora per un film muto DOC.
Metropolis di Fritz Lang, del 1927, anticipa ed è capofila di capolavori del futuribile quali Blade Runner e Matrix.

 

Ritornano in teatro a Torino, dopo il successo del loro lavoro in Francia, i SuperShock, e lo fanno con uno tra gli spettacoli più solidi e riusciti del loro repertorio. Era il 1927 quando il regista tedesco Fritz Lang ebbe la visione di una grande Città, illuminata giorno e notte, sempre viva, che nascondeva però nelle sue viscere il motivo della sua rovina. Lo sfruttamento di migliaia di operai ed un grande e potente padrone di tutto.
Per quel film, muto, i Supershock hanno proposto una sonorizzazione musicale potente e contemporanea, capace di offrire a questo film una forza comunicativa e simbolica ancor maggiore. Una vera e propria sinfonia visiva dove il suono diventa parola contemporanea.

Dopo aver sonorizzato Nosferatu, Das Cabinet des Dr. Caligari e Der Golem, i Supershock si sono cimentati con uno dei più grandi capolavori cinematografici della storia, commentando con le loro melodie lisergiche e stranianti le affascinanti immagini langhiane, cogliendone i molteplici sensi e le innovative soluzioni formali che fanno di questo film un testo emblematico, fascinoso e profondamente radicato nella dimensione del moderno.
Metropolis, primo film di fantascienza nella storia del cinema, diventato modello più o meno esplicito per molti film di questo genere fino ai giorni nostri (Blade Runner, Guerre Stellari, Matrix), è entrato a far parte stabilmente dell’ immaginario collettivo.
Le immagini ci portano in una città del ventunesimo secolo la cui esistenza si basa sull’estremo sfruttamento della classe operaia da parte di pochi ricchi che vivono nel lusso più sfrenato.
La musica sviluppa una riflessione sul destino dell’uomo nell’epoca della civiltà delle macchine, un’indagine appassionante su un mondo ridotto a simulacro, un’attenta focalizzazione del versante oscuro, misterioso, dell’esistere.

A seguire i registi Gianfanco Crua e Gianni Ubaldo Canale presentano scene dal film-documento “Privilegi operai” sulle lotte alla Fiat nella Torino del 2011.

ingresso “up to you” il teatro a quanto vuoi tu (4,6,8 euro)
La serata è coordinata nell’ambito del progetto internazionale RICHARD MOOR’S PROJECT

Prenotazione


Condizioni di prenotazione

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Numero telefonico (richiesto)

Numero di posti(richiesto)

Eventuali altre comunicazioni:

Autorizzo il trattamento dei dati personali

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>