Informativa Cookie

La bambola spezzata

27 gennaio, 2016 - 21:00 Auditorium Arpino - via Bussoleno 50, Collegno

Uno spettacolo di Gianni De Feo
scritto da Emilia di Rienzo
Con Gianni De Feo, Manuela Massarenti, Paola Torsi, Luca Zanetti
Costumi di Roberto Rinaldi

Un velo che copre una figura nascosta, simbolo di una tragedia talmente immane da risultare quasi difficile da far venire alla luce.
Una donna attende con ansia un incontro. L’incontro.
Quello risolutore,chiarificatore con il passato,con un sospeso che non da’ pace.
Dopo l’attesa inquieta e nervosa ecco che come in una lugubre inaugurazione ciò che era sotto ,lateralmente al palco si manifesta. La donna afferra il telo che ha avuto fino ad allora accanto,immobile,sinistro sul palco ,tirandolo,violentemente.
Ne emerge una figura grottesca,un viso senza tempo,una donna avvoltoio.(Splendido il costume di scena; paltò informe trapuntato di piume,collane di perle ridondanti,stivali evocanti marce militari).
Dalle prime battute sarà evidente che quella donna,uomo,di sesso e età indefinita ed indefinibile rappresenta l’incarnazione di inquietanti deliri venuti da molto lontano,ritornata da un passato che più si cerca di rimuovere e più riemerge.
La mamma avvoltoio. La figlia abbandonata ed incapace di accettare la perdita e ancor più le motivazioni.
Una mamma che non solo non si pentirà di aver partecipato in qualità di kapò nazista ad azioni scellerate,ne’ di aver per tale motivazione abbandonato una bimba in tenera età per spargere sangue innocente ,vessillo intramontabile di ingiustizie secolari, ma sarà lì quasi incapace di qualunque ammissione di colpevolezza.
Il piano di comunicazione si sposterà e rimbalzerà continuamente dal personale conflitto umano a quello più vasto di natura etica e morale.
La domanda che ripetutamente si affaccerà è quella di comprendere che dietro la storia che appare lontana, informe e impersonale ci sono milioni di vite,di quotidiani vissuti in alcuni casi come questo in un folle delirio.
Richieste di spiegazioni,di motivazioni da parte di una figlia dolorante. Risposte surreali e palesemente infarcite di ipocrisie e giustificazioni improbabili.

Ingresso unico € 5,00

Prenotazione


Condizioni di prenotazione

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Numero telefonico (richiesto)

Numero di posti(richiesto)

Eventuali altre comunicazioni:

Autorizzo il trattamento dei dati personali

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>