Informativa Cookie

Carpi – 25 aprile – L’INAFFERRABILE

06 aprile, 2015 - 09:40

Carpi – 25 aprile – L’INAFFERRABILE
Museo Monumentale al deportato

Fossoli, frazione di Carpi. Campo di concentramento e smistamento. Punto di partenza per la Germania. Molti italiani, ebrei, omosessuali, prigionieri politici, resistenti, di lì sono passati. Primo Levi, in una delle pagine più commoventi da lui scritte, ricorda di Fossoli le madri che in attesa della partenza lavavano i bambini, i vestitini appesi al filo spinato del campo, perché il giorno seguente fossero in ordine per affrontare il futuro, qualunque esso fosse.
Quelle donne, esempio per tutti noi, vanno ricordate, insieme a chi lottò perché Fossoli restasse un errore da non ripetere. Un importante Museo a Carpi, il Museo Monumentale al deportato, si occupa di fare proprio questo, insieme a iniziative e incontri.

Assemblea Teatro giunge anche a Carpi per questo 25 aprile e lo fa sul tubo di due biciclette, al seguito di due “gregari” che più che pedalare hanno voglia di parlare, raccontare, riflettere e soprattutto non dimenticare. Sarà lungo la strada che incontreremo Gino Bartali, il Campionissimo, e la sua storia “segreta”, o ancora Lulù, l’inafferrabile ragazzo dai capelli biondi e dagli occhi azzurri che scorrazzò in terra di Langa facendosi beffe dei Nazisti e conquistando i cuori delle ragazze.

Insieme a loro la Resistenza ritorna priva di retorica e apre al sorriso, perché uno spettacolo di memoria può anche saper far sorridere.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>