Informativa Cookie

ANGELINA – Assolo di teatrodanza

29 aprile, 2015 - 21:00 TEATRO AGNELLI Via P. Sarpi 111 - Torino

TORINO è GIOVANE

Una produzione Les Petits Filous
Di e con Fulvia Beatrice Romeo
Assistenza alla creazione Jacopo Cagnolini
Musica originale Madre Terra composta e cantata da Andrea Carlo Fardella
Costumi di Mirta Bersia e Rossana Dassetto Daidone
Lo spettacolo nasce dall’incontro con la visione del film ” ll cielo sopra Berlino “
del regista tedesco Wim Wenders

Il palco del Teatro Agnelli tra gennaio ed aprile è stato solcato da decine di artisti e scrittori, e la sala visitata da migliaia di spettatori. Da Erri De Luca e Giacomo Di Girolamo ad Alessandro Fullin, dalle Sorelle Suburbe a Max Garbarino e Luca Radaelli, artisti affermati, alcuni anche a livello internazionale, alcuni conosciuti dal pubblico televisivo, altri dal pubblico prettamente teatrale.
Ora, ancora una volta, spazio alle nuove leve! Come ogni anno, attenzione a chi merita una affermazione, alla TORINO GIOVANE che vuole farsi scoprire e conoscere. Un altro atto che vede in scena Les Petits Filous, teatro e danza, in un “solo” per una serata rivolta al futuro.
Lo spettacolo, traendo dal film “Il cielo sopra Berlino” alcune suggestioni e re-interpretandole in chiave personale, vuole essere una metafora poetica e lieve del disagio umano. Di quel malessere che fa si che alcune persone, non riuscendo a sostenere la precarietà del vivere, si facciano simili ad angeli, tentando così un’ascesa dalla materialità che li renda più invisibili o trasparenti, pallidi come creature alate. La figura dell’angelo utilizzata come archetipo dell’uomo disincarnato, immateriale e incorporeo, simbolo di una fuga sopra il mondo. La performance è di riflesso un canto sulla fragile bellezza della realtà sulla ricerca del grande nelle piccole cose, un invito a non guardare troppo in alto, ma ad altezza d’occhi.
In definitiva un canto d’amore per la vita.
Angelina è uno spettacolo di teatro danza che non utilizza tecniche codificate. L’utilizzo del corpo in chiave immaginifica ed evocativa ha l’obbiettivo di rendere visibile o intuibile una sostanza profondamente umana orientandosi nel territorio del non dicibile.
Tutto il lavoro nasce dall’esigenza di ricercare un linguaggio che esprima dimensioni di noi stessi restituendo alla parola la sua più profonda essenzialità.

ingresso intero € 8 / ingresso ridotto € 5

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>